PARIGI (Francia)

EGLISE SAINT SULPLICE

GRAND ORGUE CAVAILLE'- COLL - 1862

 


 

Notizie

 

La tradizione organistica in St. Sulplice risale al  XVI secolo. L'attuale chiesa costruita durante la metà del 18° secolo su progetto dell'architetto Chalgrin contiene un monumentale organo la cui cassa, progettata dallo stesso Chalgrin, possiamo ammirare ancora oggi.

Questa cassa originariamente conteneva uno strumento costruito da Clicquot nel 1781, con 5 manuali, 64 registri ed un orologio di 32 piedi. L'organo era considerato uno dei migliori del regno francese, insieme a quello di Saint-Martin a Tours e Notre Dame a Parigi.

Grazie al talento dell'organista Nicolas Sejan questo strumento divenne famoso in Germania settentrionale e nella Spagna del Sud.

Durante il 19° secolo il famoso costruttore d'organi Aristide Cavaillè-Coll ha costruito un nuovo strumento che conserva gran parte del precedente organo con l'intenzione di realizzare l'unione tra il vecchio e il nuovo.

Il nuovo Grand'organo di Saint-Sulplice divenne rapidamente famoso in tutto il mondo quando il professore Adolf Hesse di Breslavia, grande interprete di Bach, che si reco subito dopo il suo completamento disse "il sottoscritto dichiara che tra tutti gli strumenti che ho visto, esaminato, provato, quello di Saint-Sulplice è il più perfetto, più armonioso, più grande, un vero capolavoro della moderna costruzionie d'organi".

Nel 1863 il brillante e virtuoso Lefebure-Wely venne nominato organista ufficiale. Gli successe nel 1870 a soli 26 anni Charles-Marie Widor nominato con il titolo di "organista temporaneo" e non gli venne mai attribuito il titolo di "organista titolare" durante i 63 anni di sua presenza in St. Sulplice. Ha rassegnato le dimissioni il 31 dicembre 1933. L'incarico venne dato ad un'altra grande figura del mondo dell'organo, Marcel Duprè. Duprè morì nel pomeriggio di Pentecoste nel 1971 dopo aver suonato gli uffici del mattino. Ha avuto come successore il suo allievo Jean-Jacques Grunenwald, un grande musicista che purtroppo ha usato questo bellissimo strumento per soli 10 anni. Questi artisti con grande considerazione per il lavoro di Cavaille-Coll hanno lasciato intatto lo strumento, a differenza di altri strumenti del medesimo costruttore che sono stati più o meno modificati durante la prima metà del 20° secolo.

In realtà non si tratta di uno strumento romantico-sinfonico come si è soliti dire, ma come ha pensato dal suo creatore si tratta di uno strumento in cui la tradizione classica e romantica sono strettamente connesse.

 

GLI ORGANISTI DI ST. SULPLICE

Nicolas Pecheur (morto nel 1601 o 1614
Vincent Coppeau (ca. 1618 - ca. 1651)
Guillaume-Gabriel Niver (ca. 1651 - 1702)
Totin JB (1702 - ca. 1714)
Louis-Nicolas Clérambault (1715 - 1749)
César Francois Clérambault (1749 - 1760)
Dominique Evrard Clérambault (1761 - 1773)
Claude Etienne Luce (1771 assistente di Dominique Evrard Clérambault; titolare 1773 - 1783)
Séjan Nicolas (1783 - 1819)
Louis Nicolas Séjan (1819 - 1849)
George Schmitt (1850 - 1863)
Louis-James-Alfred Lefebure-Wely (1863 - 1869)
Charles-Marie Widor (1870 - 1934)
Marcel Dupré (1934 - 1971)
Jean-Jacques Grunenwald (1973 - 1982)
Daniel Roth (dal 1985)

 


Composizione Fonica

 

GRAND CHOIRE - 1a Tastiera        
       
Salicional 8      
Ottav 4      
Forniture - 4 file          
Plein Jeu - 4 file          
Cymbal - 6 file          
Cornet - 5 file   (da Re3)      
Bombarde 16        
Basson (fagotto) 16        
Trompette Iere 8        
Trompette IIeme 8        
Basson 8        
Clairon 4        
Clairon Doublette 2        

   

GRAND ORGUE - 2a tastiera      
     
Principal Harmonique 16    
Montre 16    
Bourdon 16        
Flute conique 16        
Montre 8        
Diapason 8        
Bourdon 8        
Flute harmonique 8        
Flute 8 (da Re3)      
Flute a pavillon (flauto di corno) 8        
Quinte 5 1/3        
Prestant 4        
Doublette 2        

 

POSITIF - 3a tastiera    
   
Violon basse 16  
Quintaton 16    
Salicional 8    
Viole de Gambe 8    
Unda Maris 8    
Quintadon 8    
Flute Traversiere 8    
Flute douce 4    
Flute octaviante 4    
Dulciane 4    
Doublette 2    
Quinte 2 2/3    
Tierce 1 3/5    
Larigot 1 1/3    
Picolo 1    
Plein Jeu harmonique - 3/6 file      
Basson 16    
Baryton 8    
Trompette 8    
Clairon 4    

 

RECIT EXPRESSIF - 4a tastiera    
   
Quintadon 16  
Diapason 8    
Bourdon 8    
Violoncello 8    
Voix celeste 8    
Prestant 4    
Doublette 2    
Forniture - 4 file      
Cymbale - 5 file      
Basson Hautbois (fagotto oboe) 8    
Cromorne 8    
Voix humaine 8    
Flute harmonique 8    
Flute octaviante 4    
Dulciane 4    
Nazard 2 2/3    
Octavin 2    
Cornet - 5 file      
Bombarde 16    
Trompette 8    
Clairon 4    
Machine a grele      
Rossignol      
Tremolo      

 

SOLO - 5a tastiera    
   
Boudon 16  
Flute conique 16    
Principal 8    
Bourdon 8    
Flute harmonique 8    
Violoncelle 8    
Gambe 8    
Kéraulophone 8    
Prestant 4    
Flute octaviante 4    
Octave 4    
Octavin 2    
Quinte 5 1/3    
Tierce 3 1/5    
Septieme 2 2/7    
Quinte 2 2/3    
Cornet - 5 file      
Bombarde 16    
Trompette 8    
Clarion 4    
Trompette Coudée a forte pression 8    

 

PEDAL    
   
Principal 32  
Principal 16    
Contrebasse 16    
Soubasse 16    
Principale 8    
Violoncelle 8    
Flute 8    
Flute 4    
Bombarde 32    
Bombarde 16    
Basson 16    
Trompette 8    
Ophicleide 8    
Clarion 4    

 

CONSOLLE :
- 5 tastiere di 56 tasti
- Pedaliera di 30 pedali

ACCESSORI:
- Pedale accoppiatore: Orgue Choeur, Grande Orgue, Recit 
- Sub-ottava per le 5 tastiere
- accoppiamento manuale: II/I - III/I - IV/I - V/I - IV/III

PRESSIONI:
- Grand Orgue: 95 - 100
- Grand Choire: 95 - 115
- Positif: 100 - 115 - 120
- Recit: 100 - 115
- Pedal: 90 - 100
- Chamade (trompette): 140 - 150

 

 


 

Ulteriori immagini

 

   
         
     
         
       
         

 


Fonte dati: Daniel Roth